This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

“Il Sigillo di Lucifero” – Valentina Marcone

Prodotti “Il Sigillo di Lucifero” – Valentina Marcone

“Il Sigillo di Lucifero” – Valentina Marcone

2.98

“Ah, volete sapere come sono morta?
L’amore.
È sempre quello che uccide.”

V parte della saga “La Croce della Vita”

Pagine: 140

Formato: Ebook e Cartaceo

Genere: Paranormal Romance/Urban Fantasy

Profilo dell’autrice

Categoria:

Descrizione

Scopri “Il Sigillo di Lucifero” anche su:

bottone amazonbottone_kobobottone_ibookstore google_play

 

Cartaceo disponibile su:

 

“Quando ero piccola mia nonna mi diceva che i soldi non fanno la felicità, che le cose importanti non si possono comprare e io ci credevo. Poi sono cresciuta e mi sono accorta che è una grande scemenza: ‘a chi tant e a chi nient’!
Scusate se parlo una schifezza, mi sto impegnando a parlare come si deve, ma non è facile, povera Deva, prima o poi mi manda a quel paese, non solo mi ha invitato a casa sua, ma ha evitato pure che il fidanzato mi facesse la pelle.
Pare tutto sistemato no? Nonna me lo diceva sempre che avevo il diavolo in corpo, ma io non gli credevo; ero sfrenata, ma ero brava, mica potevo avere a che fare con Lucifero in persona?
Peccato che Nonna avesse sempre ragione.”

Quinta parte della saga Paranormal Romance “La Croce della Vita”, con “Il Sigillo di Lucifero” una nuova inquietante ombra incombe sulla furia Deva e i fratelli Sincore. A fare luce sul mistero sarà proprio la nuova ospite della famiglia: la bizzarra ma affascinante vampira Paine.

Informazioni aggiuntive

Estratto

INTRODUZIONE

Uhm, uhm…
Vi chiedo scusa in anticipo per come parlo, ho chiesto a Deva di fare questa cosa al posto mio, ma ha detto che è un buon esercizio per me, sapete com'è, mi sta insegnando a parlare bene, non nel senso che non so parlare, ci manca pure questa, ma non so parlare un italiano corretto come dice lei e visto quanto si sta sforzando, poverina, la faccio contenta.
Ma guarda tu che figura di merda che devo fare… Io, allora mi chiamo Paine, ho… Non lo so quanti anni ho di preciso, come si conta? Anni normali più anni dopo la morte? Vabbè, quando sono morta avevo 17 anni, una criatura in pratica, quindi penso che posso dire che ho la stessa età visto che sono rimasta uguale. Poi… Avevo una vita normale, mamma e papà si schiattavano di fatica per mandarci a scuola, a me e a mio fratello. Eh, mio fratello diciamo che normale normale non è mai stato, era mingherlino (scalmatizzo diciamo noi ma Deva mi ha detto che non si dice sta parola in italiano) e gli altri lo sfottevano sempre, perciò io lo difendevo. Tutto il paese mi conosceva, ero terribile, non mi facevo mettere i piedi in testa da nessuno e difendevo tutti quelli più deboli.
Mi piaceva la mia vita, ero contenta.
Poi, lo scatafascio. Che è successo? Ho incontrato un maschio e, da buona e grossa che credevo di essere, sono diventata una scema. Avete presente i cani che fanno tutto quello che il padrone gli chiede? Così ero, ci pensate? Me medesima, la terribile del paese che buttava mazzate a tutti quanti, diventare pezza da piedi per un grandissimo figlio di buona signora.
Vabbè lasciamo stare, che m'incazzo solo di più ogni volta che ci penso. Ma come si fa, dico io? A diventare così scemi? Cioè ma ci pensate? Uno per tutta la vita è tranquillo, poi arriva il primo scemo e mandiamo a quel paese tutto quanto, famiglia, sogni, tutto. Manco fosse il padreterno. Ma vabbè lasciamo stare, l'ho già detto lo so, ma me lo devo ripetere più di una volta prima di passare avanti.
Per colpa sua ho dovuto cambiare vita: per anni sono stata in pace e nel mio piccolo facevo ancora del bene e controllavo da lontano la mia famiglia, soprattutto quello sconsolato di mio fratello, non gliene andava bene una. Qualche mese fa però pare che me la sono presa con il gruppo di bulli sbagliati, che hanno chiamato il loro capo per farmi la pelle. Così ho conosciuto Deva. No, non è lei il capo, il capo è quell’orangotango del fidanzato, e se era per lui mi spediva al creatore ancora prima di chiedermi come mi chiamavo, ma la fortuna mia è stata che a quella squilibrata di Deva sto simpatica, perciò mi ha salvato le penne e mo sto a casa loro in Canada.
Un finale bello, no? Eh, più o meno, perché la storia è molto più complicata di così.
Vabbè, io spero che qualcosa avete capito.

Ah, come sono morta?
L’amore.
È sempre quello che uccide.

CAPITOLO 1

“Vedi bambolina, c’è qualcosa di cui dobbiamo parlare. Tu mi devi capire, la situazione qui si sta facendo difficile…”
Difficile? E quando mai era stata facile? Ma non parlo, non gli piace quando gli rispondo.
“Ricordi quei… signori di cui ti ho parlato? Quelli che non vogliono che io mi curi?”
Faccio su e giù con la testa. Che cazzo volevano? Perché non volevano che si curasse? Che gli importava? Gli bastava mordere un altro poveraccio e rimpiazzavano lui.
“Mi stanno sempre più alle costole, capisci? Devo sparire per un poco.”
È nervoso, si muove avanti e indietro per la stanza, gli occhi lucidi e rossi. Ma aspe, che aveva detto?
“Sparire? E dove? Per quanto?” Mi lasciava? E dove andava? No no no no. “Vengo pure io.” Dico senza nemmeno pensarci due secondi. Morivo se se ne andava. Lui mi guarda fissa. Forse ci sta pensando, a come portarmi appresso a lui. Sì ci sta pensando, sono sicura.
“Tu non puoi venire!” Che cazzo mi grida? Che ho fatto mo? Stringo i denti e non parlo. Se rispondo si incazza di più e va a finire che non mi porta con lui.
“Che devo fare? Faccio come vuoi.” Ha bisogno di me, lui mi ama, non mi può lasciare qua.
Lui si avvicina con una faccia strana: Cristo quanto è bello, anche così tutto stralunato è bello. A volte mi fa paura, ma si sta curando, lo sta facendo per me così possiamo stare assieme, perciò devo sopportare un poco. Quello che sto facendo io per lui è niente rispetto a quello che sta facendo lui. Ha i capelli sporchi, i vestiti sono macchiati e sotto le unghie vedo un sacco di nero. Forse potevo lavarlo, a volte si rilassava quando gli facevo il bagno e lui stava mezzo morto.
Alza le mani e mi prende la faccia: io non mi muovo, lo guardo e basta. Ha la bocca più bella del mondo, tanto che può uccidere ogni femmina che vuole, gli occhi hanno un bel colore cioccolato anche se non li vedo puliti da un sacco di tempo, forse da quando ci siamo conosciuti, ma è bello sempre: per me è il più bello del mondo. Lui mi guarda e basta, forse mi vuole dire qualcosa, forse mo mi dice che mi porta… Si guarda alle spalle ancora più nervoso, poi come un fulmine mi morsica. Io stringo i denti: fa male, ma se non mi muovo è meglio. Respiro piano, ancora un altro poco.
Perché non si stacca? La testa mi gira, lo provo a chiamare ma non mi sente, alzo una mano e gli stringo il braccio, ma lui mi prende il polso e lo torce. Che male, cazzo. Ti prego, finisci. Mi fai male. Ma non lo riesco a dire, vedo tutto che gira e inizio a vedere tanti puntini neri. Mi vuole uccidere? Perché? Che gli ho fatto? Non mi ama più? Voglio parlare, glielo voglio chiedere, ma le parole non escono. Apro la bocca ma non esce niente.
Non voglio morire, voglio stare con lui. Perché non si stacca? Il dolore piano piano se ne sta andando, forse mi sta curando? Non lo so, mi fa male la testa. Chiudo gli occhi e sento che sto cadendo, ma lui mi tiene. Sì, mi sta tenendo. Lo voglio abbracciare ma le braccia non si alzano.
Non mi sta uccidendo. Non mi può uccidere.
Sento un rumore, qualcuno ha rotto il vetro nella cucina. Poi non capisco niente perché lui fa tutto veloce. Ma io sto stesa a terra, lui che continua a morsicarmi il collo in un altro posto, ma non sento più dolore. Non sento niente.
Non mi sta uccidendo.
Sento tanti rumori e lui non sta più sopra a me. Dove è andato? Tanti rumori, roba che si rompe. Ci sono dei serpenti? Perché sento dei serpenti? Ma non sono sicura, le orecchie mi fischiano. Poi di nuovo qualcuno mi cade addosso. Mi sento bagnata.
Apro gli occhi, ma non vedo niente. Apro la bocca per parlare e avverto una schifezza che mi scivola in gola. Ma non capisco niente.
Provo ad aprire gli occhi un'altra volta. Dove sta?
E poi capisco che sto morendo. Mi ha uccisa. Perché lo ha fatto? Lo avevo detto io, la sua bocca poteva uccidere ed è quello che ha fatto. Perché?
Ma lo voglio vedere, se devo morire lo voglio vedere almeno un’ultima volta.
Apro gli occhi di nuovo, vedo tante macchie nere. Lui sta steso sopra a me, ma ci sta qualcun altro dietro? Chi è? Sono stanca, non ce la faccio a pensare, voglio dormire.
Riesco solo a vedere che quest’altro si abbassa e avvicina la faccia a me. Mi vuole aiutare? Glielo voglio chiedere, ma non ce la faccio.
Che strani occhi che ha.
Verdi come quelli di un cartone animato. Pare che sono finti, non può avere gli occhi così. O forse sono io che non capisco più niente.
Aiutami gli vorrei dire, ma le parole non mi escono.
Tutto nero di nuovo.
Provo ancora una volta, ma lui non ci sta più. Dov’è andato? Perché mi ha lasciata qua? Non mi vede che sto morendo?
Quella schifezza continua a cadermi in faccia, ma io non mi riesco a muovere.
Sto morendo qua per terra. Ma sono stanca, non ce la faccio.
Che occhi verdi.

Recensioni

  1. “Quando ho preso in mano il libro e ho visto che era narrato non da Deva ma da Paine ho storto un po’ il naso ma poi, man mano che leggevo, devo dire, mi sono abituata e anche un po’ affezionata a questo nuovo personaggio.”
    Recensione su “Toglietemi tutto ma non i miei libri”

  2. “Valentina Marcone cambia tono di voce, cambia stile, mette in bocca la storia a un personaggio che si esprime male… Una scelta rischiosa che potrebbe non piacere al lettore. Ma non a me, che ho invece apprezzato la sua capacità di rimettersi in gioco”
    Recensione su “Le recensioni della Libraia

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *