This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

“Storia di Uomini Invisibili” – Giacomo Festi

Prodotti “Storia di Uomini Invisibili” – Giacomo Festi

“Storia di Uomini Invisibili” – Giacomo Festi

€2.98

Avete mai desiderato di diventare invisibili? Tommaso sì, ed è stato accontentato. Per scoprire che, in fondo, siamo tutti invisibili.

Genere: Narrativa contemporanea, Fantastico.

Pagine: 160

Estratto Gratuito

Profilo dell’autore

Copertina: Marco Caselli (blog)

NOVITA’ – Dal 4/01/2017 anche in cartaceo!

Sinossi del libro

Compra “Storia di Uomini Invisibili” di Giacomo Festi su:

google_playbottone ultimabottone amazon

bottone_kobo bottone_ibookstore
Tommaso Bernini è un trentenne di successo: un bel lavoro, una bella fidanzata, una bella casa. Eppure, un giorno qualcosa in lui si rompe. Tommaso impazzisce, tutte le sue certezze si sgretolano e finisce in un centro di igiene mentale, dove si rende conto che la sua vita non tornerà mai la stessa. Qui prende una decisione: non vuole tornare in una società che ignora e disprezza “quelli come lui”. Meglio diventare invisibile. E così, la gente smette davvero di vedere Tommaso, che vaga nudo e indisturbato per la città. Il suo punto di contatto col mondo è un altro “invisibile”, Franco, un ragazzone affetto da disturbi mentali e ignorato dalla gente, l’unico che lo può vedere e che lo ospita a casa sua, instaurando con lui una bizzarra amicizia. A turbare la pace di Tommaso è però ancora la società, rappresentata dagli altri inquilini del condominio, anche loro costretti dai propri errori a rimanere bloccati in un’esistenza incolore e frustrante. Tra violenze, trasgressioni e tradimenti, quali sarà il destino di questi uomini e donne invisibili? “Storia di Uomini Invisibili”, opera d’esordio del ventitreenne Giacomo Festi, è un romanzo che dietro a una patina fantastica racconta la crudeltà della nostra società e le sofferenze degli uomini dei nostri tempi. La storia di Tommaso, Franco e degli altri “invisibili” appassiona e fa riflettere: non siamo in fondo un po’ tutti invisibili, a modo nostro?

Estratto Gratuito

Anteprima

CAPITOLO UNO
Impazzire è un po’ come addormentarsi. Percepisci quando il sonno arriva, ma non serbi ricordo di quando il tuo cervello si spegne per concedersi al meritato oblio ristoratore. Scopri tutto all’ora del risveglio. Apri gli occhi e capisci di esserti sorbito le tue ore di sonno giornaliere. Per la pazzia, è la stessa cosa.
Tommaso Bernini, come tutti quelli che condividono questa sorte, impazzì per gradi.
E dire che a vederlo era un uomo così bello…
No, forse bello non era il termine giusto. Gradevole, quella era la definizione che meglio lo descriveva. Era alto quanto bastava, aveva il fisico asciutto e una faccia rassicurante che gli faceva portare egregiamente i suoi trent’anni. Era vagamente stempiato, ma pure questo contribuiva ad accrescere il suo fascino mascolino insieme all’elegante taglio di capelli a spazzola. Quando sorrideva la fossetta sul mento gli si accentuava sempre di più, particolare che aveva fatto impazzire molte donne e, ai tempi delle superiori, un egual numero di ragazze. Era quella infatti la tecnica di Tommaso: far concentrare tutti su un solo obiettivo, per stupirli poi con la totalità. Obiettivamente lui aveva ben poco da offrire al mondo, era proprio il suo allegro carisma che faceva leva sulle persone che gli interessavano.
Ma la pazzia sembrava essere come la morte: equa. Poteva arrivare per tutti, stravolgere i piani di un’intera vita e poi agire secondo i propri comodi. Per Tommaso più che altro fu un semplice accorgersi troppo tardivamente di un declino oramai inevitabile.
Prima avvertì il lento degrado della sua mente, ma non riuscì mai a ricordare il momento esatto in cui attraversò il confine. Semplicemente, un giorno si svegliò, e il mondo era diventato infinitamente più complicato di prima. O meglio, il mondo era mutato, e nonostante le cose fossero divenute effettivamente più semplici quell’improvviso cambiamento confondeva la già sufficientemente provata psiche di Tommaso. Perché non era lo stato effettivo delle cose a spaventarlo tanto, ma il semplice fatto che esse fossero cambiate.
Casa sua ora era una piccola stanza fornita di un letto e di una scrivania, dalle pareti bianche e spoglie. I colleghi di lavoro che lo salutavano allegri la mattina si erano tramutati in anonimi medici in camice bianco che lo guardavano con i loro occhi penosi che spuntavano da sopra le mascherine, felici di non trovarsi nella sua posizione, bensì dal lato giusto della barricata. E la sua fidanzata, Jennifer… di quello conservava un ricordo nebuloso pronto a spuntare la notte quando dormiva.
Non appena aveva mostrato segni di squilibrio palesemente incontrollabili, suo padre si era adoperato affinché fosse internato in un manicomio. Anzi, in un istituto d’igiene mentale, come doveva essere chiamato., poiché i manicomi erano stati aboliti verso la fine dei lontani anni settanta. Per la precisione: il Centro d’igiene mentale Sant’Ezechiele. Un’inquietante costruzione ai confini della città, quasi una dimensione parallela isolata da tutto e da tutti, che sapeva di lavanda e sigarette all’esterno e di ammoniaca all’interno. Qualcosa di decisamente lontano dall’immagine di santità che il nome voleva conferire.
Era in quell’ambiente che Tommaso si era ritrovato quando aprì gli occhi. Si può dire che il suo risveglio avvenne effettivamente in una triste mattina d’inizio primavera, quando suo padre lo condusse lì. Solo allora Tommaso si destò del tutto, rendendosi conto dove era stato trascinato dagli eventi e dalle instabili emozioni che lo depredavano, e concretizzando in maniera assoluta la propria condizione.
La sua nuova vita iniziò quando suo padre aprì la portiera della macchina, una volta arrivato davanti al Sant’Ezechiele.
«Perché mamma non è venuta?», domandò Tommaso.
«Beh», fece suo padre, «Sai che ultimamente la sua salute è peggiorata. Anzi, è peggiorata proprio quando ti sei ammalato anche tu. Quindi non ha abbastanza forze per fare un viaggio così lungo. Ma non preoccuparti, a casa con lei c’è la badante. È in buone mani.»
«Come si chiama quella badante?»
«Non vedo come possa importare ora.»
«Giusto.» Piccola risata. «D’altronde, cosa vuoi che sia… doveva solo salutare suo figlio…»
«Adesso piantala, moccioso!», sibilò suo padre. «È tua madre. Portale rispetto.»
Erano anni che Tommaso non lo vedeva così arrabbiato, e il suono della sua voce mentre pronunciò la parola moccioso lo fece trasalire. Sentì qualcosa di amaro crescergli nella gola, e gli occhi gli pizzicavano. Stava per piangere. “Cazzo no. Non ora! Non devo piangere ora!”, pensò affannosamente. Deglutì e si massaggiò le tempie con la punta delle dita, cercando di non perdere il controllo. “Mi ha chiamato moccioso…”
«Scusami papà. Non volevo…»
Il signor Bernini aprì il cofano della sua macchina, e insieme al figlio cominciò a tirar fuori le valigie. Due infermieri si fecero avanti per aiutarli, ma Tommaso li cacciò con un gesto della mano.
«Qualche problema?», chiese il più giovane dei due.
«Fatti i cazzi tuoi», sbottò il signor Bernini.
Questi arretrò, colpito dalla violenza della risposta, volgendo lo sguardo verso il suo collega più anziano, che lo ricambiò con un’espressione fra il rassegnato e il divertito.
La differenza d’età fra i due era minima, osservò Tommaso. Al massimo cinque anni. Erano comunque dei bei ragazzi alti, atletici e dalla pelle curata. Sicuramente dovevano fare palestra, oppure andavano da un estetista. E dalla mancanza di rughe d’espressione o segni di stress, Tommaso immaginò che facevano quotidianamente l’amore con le loro belle fidanzate. Erano come lui prima che tutto quel casino esplodesse nella sua testa. Forse li usavano come modelli per i malati, come indicazione su come dovevano diventare per uscire da quel posto nella migliore delle maniere.
«Quindi, è qui che stanno i pazzi», sentenziò Tommaso, portano le valige verso l’entrata dell’edificio e cercando di pensare ad altro. «Perché io sono pazzo, giusto?»
«Certo che no!», disse suo padre. «Sei solo una persona che ha bisogno d’aiuto. Di cure speciali, quelle che un normale medico non sa fornire.»
«E che differenza c’è?»
«Che differenza c’è fra cosa?»
«Fra un pazzo e me.»
«Beh… che i pazzi sono pericolosi, penso.»
«Al lavoro sanno di questo?»
«Come?»
«Al lavoro. Sai, penso che i miei colleghi si faranno delle domande se non vado più. Non ricordo se ho avvisato chi di dovere della mia situazione. In caso puoi pensarci tu, papà?»
«Ma… Tommaso! Non ricordi che…»
«Scusami. Dovevo averlo dimenticato», tagliò corto Tommaso. «Grazie per avermelo ricordato, papà.»
Sull’entrata li aspettava un uomo alto e tarchiato. La sua corporatura faceva denotare che non era mai stato propenso al lavoro manuale, e che tutto ciò che aveva fatto in vita sua l’aveva compiuto da dietro una scrivania. Un uomo d’intelletto, come lo avrebbero definiti alcuni. Ma nessuna intelligenza poteva giustificare gli orrendi baffetti che portava con orgoglio quasi autoparodistico.
Li accolse con un sorriso quasi più orrendo dei suoi baffi. «Benvenuti, sono il dottor Vicenzi. Voi siete…»
«Antonio Bernini.»
«Tommaso Bernini.»
«Cognome curioso, il vostro», osservò il dottore, sorridendo. «Era quello di uno scultore, se non sbaglio.»
«Sì», fece Tommaso. «Gian Lorenzo Bernini. Uno scultore, pittore e architetto. Una delle sue opere più famose è Apollo e Dafne.»
«Oh, non sapevo te n’intendessi così tanto d’arte, Tommaso.»
«È l’unica cosa che so. E solo perché fa parte del mio nome…»
«Avremmo modo di parlare anche di questo, più avanti. Per il momento, voglio solo che tu possa ambientarti il meglio possibile.» Gli diede una pacca sulla spalla destra, poi porse la stessa mano a suo padre, in segno di saluto. «Signor Bernini, è stato un piacere conoscerla. Suo figlio è in ottime mani, e prometto che ne avremo massima cura. Le è stato spiegato tutto in precedenza, a proposito di orari di visita e altro, giusto? Perfetto! Allora, le lascio fare gli ultimi saluti al suo ragazzo, e poi è libero di tornare a casa.»
«Bene, allora». L’anziano si volse verso il figlio. «Allora, a presto, Tommy…»
Tommaso non disse nulla. Guardò altrove, lo sguardo corrucciato e le labbra serrate. Lui stesso temette che stavolta non avrebbe saputo controllarsi, ma con enorme sforzo di volontà, deglutì amaro e cercò una propria stabilità emotiva.
«Beh», continuò suo padre, «Non sono molto bravo nei discorsi. Quindi, meglio che me ne vada.»
«Sì, vattene», disse Tommaso. «Meno parli, meglio è.»
Suo padre, che stava per voltarsi, restò bloccato per una manciata di secondi. Poi, abbassando lo sguardo, si diresse verso la propria macchina. Mise in moto, fece un’inversione a U, e partì.
«Allora, Tommaso, inizia la nostra gita», fece il dottor Vicenzi. «Lascia pure qui le valige. Kevin e Guido le porteranno nella tua stanza. Allora, campione, sei pronto?»
Tommaso fece qualche passo avanti verso il medico, ma con lo sguardo continuò a fissare i propri bagagli. L’infermiere più giovane, Kevin, li alzò senza il minimo sforzo, e lanciò verso Tommaso quello che sembrava un ambiguo sguardo di sfida. Doveva serbargli rancore per il trattamento subito poco prima.
«Forza, vieni con me. Vedrai che ti ambienterai subito», continuò Vicenzi, afferrando Tommaso per la maglia e conducendolo all’interno dell’edificio.
La prima sala che gli fece visitare fu quella ricreativa, dove in determinate ore del giorno i pazienti – che erano poco più di una quindicina – andavano a rilassarsi. C’erano numerosi giochi da tavolo, materiali appositi per il disegno e molti libri, perlopiù classici europei. Tale salone era deserto, tranne che per un vecchio, la barba e i capelli bianchi molto lunghi, seduto su una poltrona a leggere Il Maestro e Margherita.
«Chi è quello?», chiese Tommaso.
«Lui? Oh, è il Professore», disse Vicenzi. «Passa tutto il tempo a leggere. Alla sua età, non può fare molto altro. Inoltre, si rifiuta categoricamente di partecipare a qualsiasi attività. E per quanto insistiamo, non ci ascolta. Anzi, riesce addirittura a diventare violento se viene separato dai suoi libri, quindi lo lasciamo leggere tutto il tempo. È solo al mondo, non ha nessuno che possa prendersi cura di lui e siamo costretti a tenercelo. Ma stai tranquillo, Tommaso, ho promesso a tuo padre che mi sarei occupato personalmente di te. Uscirai da qui in pochissimo tempo, coi capelli del colore che hai ora.»
«Ma perché lui non riesce a guarire?»
«Vedi, la mente è qualcosa di molto delicato. Certe patologie vanno curate con molta celerità, e nel caso del Professore, beh… ha convissuto con i propri demoni per troppo tempo, finendo per innamorarsene. Alla fine, dietro l’aria dotta e acculturata, si nasconde un uomo innamorato e al contempo timoroso del proprio stato. Ha vissuto in questa maniera per tutta la vita, finendo per non riconoscersi in null’altro.»
«È terribile.»
«Esatto. È il paziente più ostico che mi sia mai capitato. Ma almeno, ci consiglia dei titoli con cui ampliare la nostra biblioteca. È qui da prima che venissi io, ma sento che stiamo facendo dei grossi progressi con lui. Quindi non preoccuparti, sia lui che te siete in ottime mani!»
«Ma legge così tanto?»
«Certo. Interrompe l’attività di lettore solo per consumare i pasti, espletare i propri bisogni fisici e dormire. Almeno, con la scusa che è vecchio, dimentica un sacco di cose, e quindi molti titoli li rilegge più volte. E per fortuna, dico io. Altrimenti dovremmo spendere un capitale in libri solo per lui.»
Il Professore interruppe per un attimo la propria lettura, dando un’occhiata monocorde ai due interlocutori. Tommaso alzò timidamente la mano, mentre Vicenzi tese energicamente il braccio, agitandolo con vivacità. Il vecchio lettore non rispose in alcuna maniera, ritornando al punto che aveva interrotto.
Vicenzi condusse Tommaso fuori dall’aula, facendogli visitare il resto della struttura ospedaliera. Passarono per la mensa, per la lavanderia, per la palestra (che altro non era che un’aula vuota con delle corde per saltare, un percorso segnato con dello scotch colorato sul pavimento, e dei pesi da 5 chili posati su una mensola) e infine arrivarono alla sua camera. Era la B-27. Il numero svettava sotto la finestrella di vetro che permetteva di vedere l’interno della stanza.
«Eccola qui, ragazzo. Entra e sistema le tue cose. Fra mezz’ora ti chiamiamo per il pranzo, vedi di non tardare. Mi raccomando. Ah, se vuoi far portare qui qualcosa dalla tua vecchia abitazione, diccelo e provvederemo con qualche chiamata.»
«No. Di sicuro andrà benissimo così com’è.»
«Bene. Allora, fra mezz’ora in sala mensa.» E con queste parole, Vicenzi si diresse verso i propri uffici.
Tommaso entrò nella stanza, e ne ammirò la nudità. Ammirò il bianco delle pareti, del cuscino e delle coperte. Ondeggiò sulla neutrale colorazione del pavimento, testando il proprio equilibrio. Poi si sdraiò sul letto, e gli sembrò che man mano che il suo peso premeva sul materasso, questo emanasse una quantità ancora maggiore di ammoniaca. Ammoniaca. Ammoniaca dappertutto. Era nel regno dell’ammoniaca. Questione di tempo, e anche lui avrebbe avuto quell’odore.
Solo questione di tempo.
Prima che ebbe modo di rendersi conto di tutto quello che era successo, la mezz’ora che aveva a disposizione passò di colpo. E lui non aveva fame. Solo voglia di piangere. Per il discorso fatto da sua padre quella maledetta notte di Natale, per come gli aveva dato del moccioso poco prima e per la sua risposta indegna. Ma anche per il Professore, per come lo aveva guardato Kevin mentre gli prendeva le valigie, per tutti coloro dentro quella struttura che soffrivano del suo male e per la sovrabbondanza dell’odore di ammoniaca in quel posto. Anche perché era da tutta la mattina che si tratteneva dal farlo, e voleva finalmente dare libero sfogo alla sua già fin troppo repressa frustrazione.
Più semplicemente, voleva piangere e basta.
E pianse.

Recensioni

  1. :

Aggiungi una recensione