This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

“Il Risveglio della Cacciatrice” – Alessio Filisdeo

Prodotti “Il Risveglio della Cacciatrice” – Alessio Filisdeo

“Il Risveglio della Cacciatrice” – Alessio Filisdeo

€3.99

“Ho imparato tre cose sul suo conto: si chiama Amanda, è una cacciatrice e paga sempre in contanti.
La prima è inutile, forse addirittura falsa; la seconda serve a mantenermi in vita, con la guardia alzata; la terza è l’unica che importa davvero.”

Genere: Urban Fantasy, Thriller, Grottesco

Numero di pagine: 230 (circa)

Formato: Ebook (Epub, Pdf, Mobi) e cartaceo su Amazon

Profilo dell’Autore
Versione Cartacea su Amazon!

Categoria:

Sinossi del libro

Scopri “Il Risveglio della Cacciatrice” anche su:

bottone amazonbottone_kobobottone_ibookstore

google_play bottone ultima bottone bookrep

 

 

 

 

Amanda Prince è una ragazza come tante: 24 anni, qualche tatuaggio e una vita frenetica. Adora cambiare colore ai capelli e le riesce piuttosto bene impalare vampiri per conto dell’Ordine Templare. Ma c’è dell’altro: Amanda Prince nasconde molti segreti, alcuni più letali di altri. Ora l’attende una nuova missione: andare a San Francisco, intercettare uno strano tizio di nome Nik e convincerlo con un paio di lame affilate che l’immortalità non fa proprio per lui. Insomma, un compitino all’apparenza facile facile che si trasformerà ben presto in un immane casino di proporzioni catastrofiche.

Dopo l’adrenalinico “Una notte di ordinaria follia” e lo stravagante “Le follie del vampiro Nik”, Alessio Filisdeo si spinge oltre con la sua saga Urban Fantasy: un cocktail di sparatorie, bizzarri non morti, tradimenti, antiche superstizioni e un feroce nosferatu di nome… Tony?!
Questo e molto altro ancora ne “Il risveglio della cacciatrice”.

Estratto Gratuito

Estratto Gratuito:

PROLOGO

Ho imparato tre cose sul suo conto: si chiama Amanda, è una cacciatrice e paga sempre in contanti.
La prima è inutile, forse addirittura falsa; la seconda serve a mantenermi in vita, con la guardia alzata; la terza è l’unica che importa davvero.
Ad ogni modo, non è una tipa che passa inosservata, almeno non da queste parti. Hell’s Kitchen non è Broadway, e i derelitti alcolizzati che frequentano questo piscio di pub sono abituati a vedere un paio di belle chiappe sode solo sul fondo di un buon bicchiere.
Perché il fatto è che Amanda ha un culo da oscar.
Le tette non sono particolarmente grandi, anzi, sono appena passabili a dirla tutta, ma il culo… sembra scolpito nel marmo. Ha una forma perfetta, da prendere a piene mani e sollevare di peso, non so se rendo l’idea.
Non che ci proverei mai: ho imparato tanto tempo fa a capire cosa guardare e cosa toccare.
Amanda non è da toccare, e nemmeno da guardare, se gli gira male.
Quando l’ho vista arrivare sul suo mostro americano a due ruote ho sentito subito puzza di guai. Non che di solito venga a portare la buona novella, cazzo, proprio no, ma stasera tirava già una brutta aria prima che il rombo della sua Harley Davidson facesse vibrare i vetri del mio locale.
E così eccola là, Amanda. Parcheggia proprio sul marciapiede davanti al locale, mette un piede sull’asfalto e si sfila il casco con tanto di occhialoni da aviatore. Deve fare un caldo maledetto, e ringrazio Dio o chi per lui per essere già morto e non poter sudare come un maiale, perché da come è vestita giurerei di trovarmi a Miami Beach piuttosto che a New York.
Mi fa un cenno dalla porta a vetri, nemmeno fossimo vecchi amici. Si accende una sigaretta col suo fottuto zippo d’oro massiccio che sa tanto di cimelio di famiglia ed entra vomitandomi fumo dappertutto, persino sull’insegna luminosa che recita: NON FUMARE.
E io che pensavo che al giorno d’oggi sapessero leggere tutti…
«Come va, Sparky?»
Odio quando mi chiama così. Mi fa sentire una cazzo di mascotte.
«Andava bene, fino a un attimo fa.» borbotto.
Lei mi sorride a mezza bocca, abituata alla cortesia della casa: «Portami un Old Fashioned.»
«Sissignora.»
Johnny Gatt, due sgabelli più in là, si sporge sul bancone di legno squadrandola dall’alto in basso, soffermandosi soprattutto sugli shorts di jeans e i collant neri elasticizzati, strappati qua e là.
Dicono sia la moda. Per me è solo merda che copre due gambe fantastiche. Ma infondo che ne posso mai sapere io di moda. Sono quasi dieci anni che porto le stesse mutande.
«Te lo offro io questo giro, zuccherino.»
«Sta zitto Gatt.» lo avverto per il suo bene, ma gli occhioni scuri da cerbiatta di Amanda lo hanno già inquadrato. Finirà molto male, me lo sento: «Lascialo perdere. È nuovo di queste parte. Non ti conosce.» le spiego, portandole il drink.
Mi fissa, e io fisso lei. Spegne il mozzicone sul tovagliolo. Beve. I suoi muscoli sono tesi. Brutto segno.
«Allora, che ti serve stavolta?» domando cercando di sviare la sua attenzione ed evitare rogne con l’assicurazione.
«Informazioni. Tutto quello che sai sul conto di questo tizio.» mi allunga un foglietto scarabocchiato.
Lo prendo: «Dal nome sembrerebbe un coglione.» leggo: «E poi manca una “c”.»
«No, credo sia un diminutivo.»
Mi si accende una lampadina nel cervello, una di quelle industriali a ultravioletti, talmente luminosa che preferiresti tornare a spegnerla. Amanda se ne accorge.

VAMPIRO NIK

«Comincia a parlare.» estrae due centoni dalla t-shirt smanicata e sformata, talmente larga che riesco a vedere il reggiseno col poco che contiene.
I soldi mi sciolgono la lingua. A parte il sangue, sono quelli che mi fanno tirare avanti, proprio come un povero diavolo qualsiasi.
«Forse so chi è. Nikolai Rasputin. Così si chiama.»
«Dettagli, per favore.»
«Dettagli? Quello è un pazzo sciroccato: chiaro e semplice. Uno che sarebbe capace di cantare l’inno nazionale russo sulle note di The Star-Spangled Banner.»
«Lo conosci personalmente?»
«No, ma ho sentito un sacco di voci e… Beh, quel figlio di puttana è il Male, ma non il Male stile Satana, demoni o cose così. Lui è il Male da film horror di serie B, quello in cui ci sono adolescenti che scopano e gente che crepa senza un vero motivo. In quegli stupidi film, per quanto ci provi, il Male alla fine trova sempre il modo di tornare, e così è Rasputin: quello ritorna sempre.»
«Continua, Sparky. L’inizio non è male.»
«Secondo molti c’è lui dietro il colpo del 1999 al caveau delle Parrish Industries.»
«Intendi quel casino della Allied Bank of America?»
«Proprio quello.» confermo: «È coinvolto in una dozzina di assalti armati su e giù per la East Coast. Ha taglie a sei zeri da qui a New Orleans, e se ne va in giro a fare il cazzo che gli pare senza rispettare nemmeno la più basilare delle Tradizioni.»
«In pratica non gliene frega niente della segretezza.»
«Ci puoi giurare. Non c’è un solo Principe che non vorrebbe farlo a pezzi con le proprie mani. Per il bene loro e di tutti noi.»
«Però è ancora vivo.»
«Maledettamente strano, lo dicevo.» annuisco: «O è il più fortunato bastardo di questo pianeta, oppure ha parecchi santi in paradiso. E il meglio deve ancora venire. Tieniti forte.»
«Sono tutta orecchi.» mette altri cinquanta dollari sul piatto.
«È stato lui a far fuori i Volkov. Quei cosacchi non hanno nemmeno capito cosa li aveva spazzati via. La notte prima erano lì, tutti belli agghindati a festa, e quella dopo andavano a fuoco assieme al loro palazzo.»
Adesso ho la sua completa attenzione. Non so che piani abbia su Nikolai Rasputin, ma Amanda ci gode, ci gode eccome. Glielo leggo in faccia, come se avesse appena trovato la sua personale balena bianca.
«Un vero ragazzaccio.» commenta sogghignando.
«Quello è un fottuto buco nero, dammi retta. Un anarchico. Non è come gli altri novellini. Ci va giù pesante, e colpisce duro.»
Qualcosa spegne il fuoco negli occhi dell’umana. Quella scintilla di malsana curiosità che avevo colto appena un istante fa si estingue di colpo.
«Quindi questo Nik non è un antico?»
«Antico? Pff! Per niente. Penso sia sulla quarantina.» un’altra stoccata all’interesse della cacciatrice: «Sembri delusa. Che ti prende?»
«Niente.» risponde, ma si direbbe il contrario.
«Lo devi ammazzare?»
«Come se potesse riuscirci.» interviene, stramaledizione a lui, quel fesso di Johnny Gatt.
È più forte di me: non li sopporto i vampiri degli anni Sessanta. Mi ricordano tutti quel cazzo di Elvis in caduta libera. Johnny poi è addirittura peggio: un incrocio tra il Virtuoso di Memphis e Arthur Fonzarelli.
«Mettimi alla prova.» lo stuzzica Amanda girandosi verso di lui.
«Forse lo farò, dolcezza. Ho capito cosa sei. Quello che non ho capito è perché… “Sparky” non ti abbia ancora portata sul retro e sgozzata.»
Mi guarda in cagnesco, ma almeno ha il buonsenso di abbassare la voce. Gli altri clienti umani saranno pure fradici come spugne, ma come tutti i bastardi figli di puttana hanno orecchie per sentire, quando vogliono.
«Lasciamo l’amichevole barista di quartiere fuori da questa storia.» propone lei: «E facciamo una scommessa.»
«Una scommessa?»
«Già, una scommessa. Solo noi due. Scommetto che riesco a romperti il naso contro il bancone usando un solo braccio.»
Cristo santo, lo sapevo che sarebbe andata così.
«E se non ci riesci?»
«Allora andremo nel vicolo qui dietro e ti lascerò scoparmi. Potrai anche mordermi. E potrai raccontare ai tuoi amichetti di esserti fatto una cacciatrice dell’Ordine.» è tranquilla, mentre lo dice, quasi allegra.
«Ci sto!» esclama l’idiota avventandosi su di lei, senza nemmeno sentire cosa gli toccherebbe in caso finisse chiappe all’aria.
Mi fa pena, sul serio, e parlo per esperienza personale. Sono ancora ferito nell’orgoglio.
Amanda rimane a fissare gli artigli che le viaggiano incontro fino all’ultimo istante, poi scivola dallo sgabello, si flette sulle ginocchia e risale col palmo della mano aperta prendendo Gatt sotto il mento con una mossa degna della scuola Shaolin: l’antica arte marziale della stronza sfascia-pub.
Il vampiro atterra direttamente col grugno sul legno, sanguinandoci copiosamente.
«Resta giù.» gli suggerisco, ma quando mai qualcuno mi ha dato retta.
Sta per rialzarsi.
Il braccio destro della mortale, un intrico di tatuaggi che ricordano valvole industriali e ruote dentate, blocca il dannato dietro alla nuca spingendolo nuovamente contro il bancone, facendo schizzare schegge di vetro e legno fino agli altri clienti.
E dato che aver già rotto due bicchieri e sfondato uno sgabello non è abbastanza, Amanda pianta il suo coltellaccio da Rambo in gonnella a un palmo dalla gola di Johnny.
«Hai perso.» gli sussurra inarcando un angolo della bocca, soffiandosi via dal volto una ciocca di capelli biondi. Credo si chiamino “meches”, perché per il resto è castana.
Sarà la moda, e in fondo che ne so io di moda: il mio cranio è più liscio del culo di un neonato.
«È tutto ok.» tranquillizzo gli sbandati che ci stanno guardando come fossimo tre unicorni con le palle al vento: «Tornatevene in coma.»
Qualcuno grugnisce. Tutti, sia i colletti bianchi malandati che gli affezionati ubriaconi in canottiera sporca di vomito, annegano nuovamente sul fondo del loro drink.
Viva l’America!
«Adesso che ti sei calmato, perché non mi parli di Nik.» dice Amanda, rimettendo Johnny in piedi e rassettandogli la camicia.
Rimango sempre stupito dalla forza che può esserci dentro un corpo così esile. Nessuno mi toglie dalla testa che si fa di qualcosa, anfetamine o neve. Questi maledetti cacciatori si scolano più intrugli di una strega senza battere ciglio.
«Non ne so niente di quel matto.» ringhia Gatt pulendosi il naso con un tovagliolo.
«Dall’uscita di prima non sembrava…»
«Lui non l’ho mai visto.» insiste imbronciato: «Ma ho visto l’altro.»
«L’altro?»
«Il suo socio. Quello che si fa chiamare Eugene.»
«Per me sono tutte puttanate.» lo penso davvero.
«Puttanate un cazzo! Io c’ero, giù a Chicago!» mi punta l’indice contro.
Amanda mi fa segno con la testa di portargli una birra. Gatt ci si attacca come a un biberon.
«Cos’è questa storia?» domanda la cacciatrice.
«Qualche mese fa…» comincia il dannato: «ero in città. Volevo affiliarmi ai Chicago Skulls perché avevo sentito dire che era gente tosta.»
«È vero.» conferma Amanda.
«Beh adesso non più! Sono stati decimati…» manda giù un altro sorso: «Questo tizio è sbucato praticamente dal nulla e ha cominciato a farli fuori uno a uno. Non avevo mai visto nulla del genere. Era come… come se l’oscurità avesse inghiottito quei poveri bastardi. Gridavano come ragazzine, e volavano fiotti di sangue, teste mozzate e…. oddio, roba che… non ci credo nemmeno io.»
«Perché non me ne hai parlato, Sparky?»
«Perché sono stronzate. Eugene Morrow non esiste: è uno spauracchio inventato da Rasputin, il suo inafferrabile socio alla pari dai poteri straordinari e bla bla bla. Nessuno l’ha mai visto in faccia, nessuno sa darne una descrizione. Qualche anno ancora e ti verranno a raccontare che si tratta del Settimo Fratello in persona tornato dal mondo dei morti.» mi viene da ridere: «Capisco che l’Ordine si diverte a seguire tutte le piste sovrannaturali, ma a questo punto perché non dedicarsi al cazzo di Bigfoot!»
«Scherza quanto ti pare, ma io credo a ciò che ho visto.» rincara Gatt: «Quello non era un vampiro normale, nemmeno alla lontana.»
«E come sai che era proprio Morrow, eh? Te l’ha detto lui? E perché, se eri lì, non ha ammazzato anche te?»
«Perché non facevo ancora parte dei Chicago Skulls. Lui voleva soltanto loro, voleva un tizio di nome David.»
«David Kiefer?» l’umana sembra saperne.
«Possibile.» si stringe nelle spalle Johnny: «Comunque Morrow ne ha lasciato qualcuno in vita, più o meno, e ho sentito chiaramente che diceva: “Informate il signor David che Eugene Morrow lo sta cercando.”» rabbrividisce: «Questo è quanto, bellezza. Puoi stendere me, o questo coglione di un barista, ma non quel tipo. Quello ti spezza il collo prim’ancora che tu possa mettere mano al ferro, non so se mi spiego. E se vogliamo dare retta a quello che si dice in giro, Nikolai Rasputin ed Eugene Morrow sono culo e camicia, come fratelli. Perciò, se dai la caccia al russo, ti consiglio di dire prime le tue belle preghiere.»
«Già, come no?! Offrigli un’altra birra, magari ti dice anche perché questo fottuto Terminator versione dannato dovrebbe mai avere interesse ad essere amico di un perdente mezza tacca come Rasputin.» li mando al diavolo entrambi. Per stanotte ne ho sentite troppe. Alla mia età sono sempre più allergico alle stronzate.
«Sai che mi hai convinto?» fa Amanda menando una pacca sulla spalla di Gatt: «È una bella storia. Mi piacciono le belle storie. Venduta!» esclama buttandomi davanti agli occhi un altro centone, nemmeno fossi un cucciolo col suo osso di gomma: «Sparky, trovami tutto quello che riesci a scoprire su questo Eugene Morrow, e…»
«Mi prendi per il culo?»
«… e scava un po’ tra i tuoi papponi. Mi serve qualcuno che riesca a mettermi in contatto col nostro vampiro Nik direttamente sul posto.»
«A Mosca? Ma sei fuori di testa?»
«Che carino, senti giù la mia mancanza.» mi fa l’occhiolino con quelle sue palpebre piene di trucco da punk, emo o quello che cazzo è. La moda! «Ripasso venerdì.»
È inutile. L’ho persa. Non riuscirò mai a capire le donne, e neppure i cacciatori dell’Ordine. Una volta era tutto più semplice: le prime si mangiavano, o fottevano, a seconda della necessità; i secondi si uccidevano prima che potessero uccidere te.
Adesso è tutto il contrario di tutto. Maledetto ventunesimo secolo!
«Facciamo lunedì.» arraffo i bigliettoni. Tanto per cambiare dovrò usarli per riparare il locale, altro che informatore! Dovrei chiedere di più.
«Ma lunedì sei chiuso.»
«Appunto.» incrocio le braccia: «Ti lascio una busta sotto lo zerbino. Vediamo se riesci a distruggermi anche quello.»
«Così mi tenti.» mi lascia con un sorrisetto da ragazzina insolente.
Sta per rimontare in sella ai suoi cavalli americani quando quel fesso di Johnny Gatt spalanca la porta del pub e le dice: «Ti conviene lasciarlo perdere il russo, cacciatrice. È fuori dalla tua portata. Ascoltami! Mi piaci, e il mio è un buon consiglio.»
Amanda risponde qualcosa mentre il motore romba. Non riesco a sentirla. La vedo filare via a tutta velocità, finalmente lontana dal mio pub, pronta a fare danni chissà dove. Soltanto quando i fari della motocicletta svaniscono nella notte, inghiottiti dal nauseante vapore dei tombini che si alza dalla strada, tiro un bel sospiro di sollievo.
È fatta. Ancora una volta sono sopravvissuto.
«Che ti ha detto?» domando a Gatt mentre si risiede al bancone.
«Che il mio era davvero un buon consiglio.»
«Tsk! Razza di troietta impertinente.» Spero che crepi, dolorosamente. Sogno di tornare umano solo per poter pisciare sulla sua tomba: «Quella lì i buoni consigli non saprebbe seguirli nemmeno se glieli ficcassero a forza su per il culo.»

Recensioni

  1. :

  2. :

    “Il romanzo è narrato in prima persona, quindi ci si sente dentro la storia e non solo in una notte di ordinaria follia, ma intere notti e giorni di follia.
    Non il solito urban, non la solita cacciatrice, non i soliti vampiri”
    Recensione su “Peccati di Penna”

  3. :

    La storia è ben scritta, l’autore non ha peli sulla lingua. Ci sono dialoghi esilaranti e risvolti inaspettati, ma tutto il meglio lo danno i personaggi.
    Recensione su “Dreaming Wonderland!

Aggiungi una recensione