Cos’è che cerchiamo davvero in un romanzo? Io credo, prima di tutto, evasione: portarci in un mondo credibile, farci sentire parte della vita di un gruppo di personaggi affascinanti, vederli crescere e cambiare, e magari farci emozionare insieme a loro.

 “Hollow World – Il ragazzo senza memoria”, grazie alla scrittura immersiva di Luca Damiani e alle incantevoli illustrazioni di Lorenzo Nicoletti, riesce benissimo in quest’obiettivo:  portarci via in una realtà parallela, e farci sentire parte di un gruppo di amici che vivono un’avventura straordinaria.

Anno 1924 del calendario imperiale. La guerra tra Impero di Tersia e Repubblica Orientale imperversa da oltre un decennio. Akira, Tadashi e Kenta, tre orfani ai margini della società, sopravvivono dandosi a piccoli furti nella piccola città costiera di Falar. Il loro rifugio? Un peschereccio incastrato nella scogliera a dieci metri d’altezza. Nessuno sa come quel relitto di barca sia finito così in alto, forse una tempesta di quelle che arrivano una volta ogni cent’anni. O quello, o il lavoro di un gigante.

Nella notte del 29 maggio, dopo una violenta esplosione nel cielo, si presenta alla loro porta un ragazzo in stato di trance. C’è qualcosa di incredibile in lui: ha gli occhi completamente scuri e sembra dotato di poteri che vanno ben al di là delle sue possibilità fisiche; prima però che possa fare inconsciamente del male ai ragazzi, sviene. Quando riprende conoscenza, i suoi poteri sono scomparsi, e non solo: non sa nemmeno come si chiama, quanti anni ha, né da dove viene. Ha perso completamente il suo passato.

Akira, nonostante l’inquietante mistero che avvolge il ragazzo, decide di prendersi cura di lui accogliendolo nella banda e dandogli un nuovo nome: Shiro. Senza passato e dal futuro più che mai incerto, Shiro non potrà far altro che vivere il presente con tutta la forza e la vivacità dell’adolescenza.

E così, tra un furto al mercato e l’altro, il “ragazzo senza memoria” conoscerà per caso Hitomi, la cui apparente fragilità non nasconde un carattere solare e curioso. E sarà proprio la curiosità di Hitomi verso quel ragazzo scapestrato dagli occhi scuri a legare progressivamente i due, la cui maturità sembrerà svilupparsi al consolidarsi del loro rapporto. Ma un giorno, qualcuno che sembra sapere qualcosa sul passato e i poteri del ragazzo, decide di manifestarsi…

Ok, dopo di qui si entra in territorio spoiler, ma vi anticipo intanto una peculiarità del romanzo: si può definire “corale”. Oltre a Shiro, viene infatti dato amplio spazio oltre che alla sua controparte femminile, la tostissima Hitomi, e anche al resto dei personaggi. Lo spavaldo ma “tenero” Akira, che personalmente ho a dir poco adorato; la coppia Tadashi/Kenta, che fin da subito si rivela ben più che un “comic relief”; le figure misteriose e affascinanti del Gran Maestro e della Sacerdotessa; e tutti i personaggi “minori” come il Capitano e Sara, di cui flashback e Spinoff ne danno ampio respiro.

In particolare, una peculiarità di “Hollow World – Il ragazzo senza memoria” sta proprio nel modo in cui evolvono e maturano i personaggi: non tramite archi narrativi separati, ma in un percorso, appunto, “corale”: non è una scelta casuale, anzi c’è un perché, ma qui ritorniamo pericolosamente vicini alla zona spoiler che volevo evitare…

Ed ecco che la “coralità” del romanzo si estende alle sue fonti di ispirazione. Anche se, dato che la magia ha un ruolo fondamentale nella trama, ci viene da definirlo “Fantasy” e chiuderla lì, rimane una categorizzazione un po’ limitativa. Le influenze all’interno dello scritto sono chiaramente molteplici e comprendono il romanzo storico (anche se ambientato in un universo alternativo dove esiste la magia, ci sono molti punti di contatto con il nostro mondo, e il particolare con gli anni ’20 del ‘900), il romanzo di formazione (l’amicizia tra adolescenti è raccontata in modo molto credibile e divertente, ma con l’evolversi della storia Shiro, e con lui gli altri personaggi, si sanno rivelare sorprendentemente “maturi), il mistery (non posso entrare nei dettagli, ma a un certo punto della storia inizi a intravedere un tiro mancino dell’autore in ogni pagina, che puntualmente arriverà… quanto meno te lo aspetti) e persino il romance (Shiro e Hitomi sono a dir poco adorabili, ma si fa accenno anche ad altre storie d’amore…)

(Questo è un raro esempio di booktrailer fatto bene, che vi darà un bell’assaggio delle illustrazioni presenti!)

Altra peculiarità da non sottovalutare è la presenza di oltre 30 illustrazioni, a cura di Lorenzo Nicoletti, che oltre ad arricchire i “momenti clou” del testo suggeriscono la fonte di ispirazione più originale: le light novel giapponesi. Chiamarlo “romanzo illustrato” è quindi un po’ limitante, dato che lo stile “fumettoso” influenza anche il ritmo serrato dei dialoghi e le scelte stilistiche, come l’abbondanza di onomatopeiche e punti esclamativi che contribuiscono a conferire al romanzo di Luca Damiani un’identità del tutto peculiare.

Insomma, di carne al fuoco in “Hollow World – Il ragazzo senza memoria” ce n’è molta, e numerosi i suoi tratti distintivi che lo rendono molto più del “solito fantasy”, dalle premesse originali, all’ambientazione ben curata, per arrivare allo stile peculiare. Se devo dire un punto di forza su tutti, direi che la caratterizzazione dei personaggi è davvero eccellente: grazie anche alle illustrazioni molto evocative, Shiro, Hitomi e la banda di Akira possono diventare più che i protagonisti di un romanzo, ma gli amici con cui avremmo voluto condividere le nostre avventure adolescenziali.

Chiudo con una nota “commerciale”: Hollow World è uno di quei romanzi che possono davvero a piacere a un pubblico di qualunque età, a patto di apprezzare il fantasy. Considerato che è una caratteristica comune alle saghe più proficue (sia in termini di vendite che di longevità) del genere, e che tutto fa presagire che dopo “Il ragazzo senza memoria” la saga di “Hollow World” sia destinata a continuare, mi pare un biglietto da visita mica male. È disponibile in formato ebook su tutte le maggiori librerie online, tra cui Amazon; se preferite prima “assaggiare” lo stile dell’autore e le ambientazioni del romanzo, trovate anche lo spinoff “Il Capitano e Masamune” in offerta gratuita su Amazon e altri store! Per altri  informazioni sulla saga di Hollow World, potete visitare il sito dedicato.