This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

“Cartoni Esaminati” di Gioia Colli – Un saggio anarchico su stupidità, genio e inventiva

NDE Blog – Gli Ebook, l’Editoria e Tutto Quanto! “Cartoni Esaminati” di Gioia Colli – Un saggio anarchico su stupidità, genio e inventiva

Di saggi (di qualunque tipo) sul cinema ne sono stati scritti a centinaia. Discorso simile per i programmi televisivi e, più recentemente, le serie TV. Pochissimi invece sembrano degnare di qualche attenzione un altro format che tutti noi (o sbaglio?) conosciamo altrettanto bene: i cartoni animati. Il motivo è presto detto: le serie animate sono comunemente considerate come “roba da bambini”, se va bene, o persino “una perdita di tempo”. Partendo da queste considerazioni, l’obiettivo di Gioia Colli, giovane autrice che si è già dedicata alla cultura pop contemporanea con “Il segreto di Peach” (di cui abbiamo parlato qui), è proprio quello di dimostrare che i cartoni animati possono invece avere la stessa dignità di altri format, e che dietro all’apparente “stupidità” spesso si nasconde “genio e inventiva”.

Un obiettivo ambizioso, se vogliamo, ma che l’autrice affronta da una prospettiva volutamente scanzonata (ma non per questo approssimativa): un “saggio anarchico”, insomma, tra l’approfondimento e la lettura disimpegnata, che ben si adatta all’oggetto in esame.

Si parte dalle origini, individuate agli albori del cinema con i primi esperimenti di animazione negli anni ’10, oppure ancora prima, con le ombre cinesi e altre forme sperimentali di narrazione tramite immagini in movimento.

Si procede quindi all’analisi di numerosi cartoni animati, con un “canone” alquanto originale, come se il tema e lo stile del saggio non lo fossero abbastanza: più che i grandi classici, le serie animati “da adulti” che sono comparse a pioggia dopo il successo de “I Simpson” o i sempre popolari anime giapponesi, si fa riferimento a cartoni animati magari meno celebri ma che chiunque oggi abbia tra i 20 e i 30 anni (ma non solo) dovrebbe conoscere bene. Ad esempio:

  • Mucca e Pollo, il cui stile grafico distorto ricorda l’espressionismo, e le cui scelte stilistiche apparentemente nonsense, come l’inquadratura della sola parte inferiori dei genitori, svelano un significato preciso. La stessa scelta degli animali protagonisti, apparentemente bizzarra, rimanda a un “vero che che si avvicina alla realtà e ne riflette le fattezze in modo arguto e credibile”. Al contrario, per intenderci, di un format considerato ben più maturo e “nobile” come le sit-com, che Gioia Colli definisce “un’imitazione dell’imitazione della realtà”;

  • Leone il Cane Fifone, a modo suo un horror che ritrae un “mondo arido e crudele”, il cui protagonista è l’unico cane vivente in un mondo embleticamente chiamato nowhere (nessuna parte), che vive isolato e in uno stato di eterna fanciullezza.

  • Tasmania, il cui protagonista è magari un po’ casinista e goffo, ma anche un’inesauribile fonte di energie (come tutti i bambini!) e il cui grande entusiasmo e cuore lo rendono un role model forse ben più positivo (e sicuramente più credibile) di altre figure note al pubblico più giovane, come Violetta.

Numerosi gli altri casi e tematiche affrontati nel “saggio anarchico”, come il popolarissimo Ben 10 confrontato con Teen Titans; i personaggi femminili, spesso in ombra ma generalmente più razionali delle loro controparti maschili; le mitiche figure di Hanna e Barbera e, in conclusione, un ambizioso confronto tra cartoni animati e videogiochi.

In sintesi, possiamo dire che Gioia Colli ha mantenuto le sue promesse: “Cartoni Esaminati” ci presenta una serie di riflesssioni, corredate da numerose citazioni letterarie, storiche e cinematografiche, che riescono nell’obiettivo di nobilitare l’oggetto di analisi. Attraverso una struttura volutamente “anarchica”, l’autrice riesce infatti a mantenere rapido il ritmo di lettura, senza che i contenuti risultino ripetitivi o banali.

In sintesi, “Cartoni Esaminati” è una lettura leggera e divertente ma non sciocca o pretenziosa, consigliata ai giovani genitori e agli appassionati di cartoni animati… di tutte le età! Potete acquistarlo in formato ebook su Amazon al prezzo di 2,20€.

By | 2017-09-08T12:46:18+00:00 settembre 8th, 2017|Recensione|0 Commenti

About the Author:

Editore, scrittore ed in generale entusiasta di internet. "A volte sei tu che mangi l'orso, a volte è l'orso che mangia te".