Fare l’editore digitale: i pro e i contro!

NDE Blog – Gli Ebook, l’Editoria e Tutto Quanto! editoria Fare l’editore digitale: i pro e i contro!

Come recentemente annunciato con un autoscatto (come Gianni Morandi, italianizziamo i “selfie”) particolarmente ridicolo, Nativi Digitali Edizioni ha recentemente festeggiato un anno di attività. In questi dodici mesi sono successe un mucchio di cose, ma non sto a parlarmi addosso: magari vi può interessare di più cosa ci ha insegnato questo primo anno di attività su una professione che non si capisce mai se invidiabile o sfigata, quella dell’editore, oltretutto nella sua declinazione digitale, come se non bastasse.

Le cose più belle del mestiere di editore digitale indipendente:

da canc editore digitale

– Non ci si annoia mai: magari non ci crederete, ma fare l’editore non consiste in leggere qualche manoscritto dopo pranzo e quindi andare a socializzare agli aperitivi: ci sono veramente tanti aspetti da curare, scadenze da rispettare, progetti su cui lavorare. E questo per noi è un bene: a volte ci sembra che esistano mille modi per impiegare il proprio tempo, ma credo di essere sincero quando dico che il tempo libero si gusta molto di più quando è “sudato”.

– Si fanno belle conoscenze: il ruolo da editore è perfetto per un timido come me: un sacco di gente ti scriverà mail, ti chiederà di fare skype-call, ti inviterà agli eventi, non sei quasi mai tu a dover rompere il ghiaccio. Pensare che chi si interessi di lettura e scrittura per professione o passione sia per forza di cose una persona interessante è un po’ da radical chic, ma credo sia vero: chi legge molto di solito è un ottimo ascoltatore e chi scrive molto di solito ha mille idee in testa.

– Ci si sente importanti: per una serie di strane circostanze che non starò a spiegarvi, da alcuni anni mi succede ogni tanto di essere riconosciuto e fermato per strada da sconosciuti, ma ripensando a quanti personaggi famosi sono anche dei benemeriti imbecilli, non è che ci sia molto da vantarsi. Quando invece la gente ti presenta come “editore”, senti che attiri l’attenzione: autori e lettori, quando non sono arrabbiati, parlano volentieri con te e a volte ti ringraziano pure per il tuo lavoro, dopo una presentazione la gente fa quasi la fila per venirti a parlare. Però non datemi del lei, che mi fate sentire vecchio.

– Fai cose che ami: per quanto non tutto il lavoro dell’editore sia gioia e delizia, bisogna dire che sì, la maggior parte delle attività sono magari impegnative e stressanti, ma rientrano in quelle cose che “ci piacciono”. Non credo che siano molti i mestieri in cui si può dire questo. E spesso, se una cosa la si ama, la si riesce anche a fare meglio.

Ok, veniamo ora alle cose non diciamo brutte, ma magari meno belle…

da canc editoria dg2

– Non si riesce a staccare mai: Dal momento che il lavoro da fare è tanto e che di solito è di nostro gradimento, il rischio è quello di lavorare sempre, comprese sere e weekend. Non è necessariamente una cosa negativa, ma a volte si sente l’esigenza di staccare, di fare qualcosa che non c’entra nulla con l’editoria, e al contempo ci si sente in colpa per trascurare tutta la lista di progetti e di to-do’s che ci attende implacabile su Evernote. Inoltre amici e parenti penseranno che sei uno stronzo che se la tira, se continui a non farti mai vedere.

– Ti senti incompreso: proprio per il fatto che la “ggente” ha una visione spesso contrastante e spesso clamorosamente errata del mestiere da editore, ovunque vai ti sentirai  incompreso. Per molti (tipo gli ingegneri) sei un fancazzista, per alcuni devi per forza essere ricco (vaglielo a spiegare!!), per altri sei pazzo; oddio, forse questi tutti i torti non ce li hanno… Inoltre, tutte le persone che incontrerai diranno: “Ah, sai che scrivo? Mi pubblichi?” o, “Ah, sai che ho un amico/cugino/amante/panettiere che scrive? Lo pubblichi?”, mettendoti costantemente in imbarazzo; se non altro, di questi quasi nessuno scrive veramente.

– Hai a che fare con gente… strana: gran parte del lavoro dell’editore consiste nell’avere a che fare con gli scrittori. E gli scrittori sono una razza particolare, si sa. Megalomani, pignoli, petulanti, incontentabili, saccenti, esigenti. Però, di solito sono anche colti, interessanti, affascinanti e geniali, e quindi il gioco vale la candela. Diverso è il discorso di alcuni aspiranti scrittori (non tutti, eh), che spesso e volentieri si portano dietro i difetti della categoria, ma non i pregi. E poi si incazzano costantemente, e sicuramente lo faranno anche in risposta a questo articolo…

– Non hai mai soldi: non starò a compiangermi sulla crisi dell’editoria, sulla cultura che in Italia è bistrattata, sui politici che son tutti ladri è quant’altro. Secondo me, se un editore lavora bene, i soldi nel medio-lungo periodo li può fare. Il problema è che non bastano mai: spese amministrative, spese burocratiche, royalties, consulenze da pagare, spese per viaggi ed eventi, TASSE, eccetera, eccetera. Però su una cosa risparmi: hai un sacco di libri da leggere gratis!

2014-05-11 17.14.05

Facce di due editori digitali quando sono stanchi (quasi sempre)

 Sei solidali verso la dura vita dell’editore digitale? Beh, puoi sempre comprare i nostri ebook!

Marco “Frullo” Frullanti

 

By |2017-06-29T18:45:14+00:00ottobre 6th, 2014|editoria|7 Comments

About the Author:

Editore, "smanettone di internet" e consulente di marketing editoriale. Mi occupo di tutto quello che gira intorno ai libri digitali, le visual novel e gli altri ibridi tra letteratura e tecnologia.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.