Bookblogger: perché sono tutte ragazze?

NDE Blog – Gli Ebook, l’Editoria e Tutto Quanto! editoria Bookblogger: perché sono tutte ragazze?

Le donne leggono molto più degli uomini, e questa non è una novità: secondo il rapporto Rapporto ISTAT 2015, il 48,6% delle donne italiani sono lettrici (sempre troppo poche!) contro i 35% degli uomini (percentuale disastrosa e disonorevole). E non solo perché i maschietti invece di leggere preferiscono andare in moto, al bowling o agli apericena, ma quando lo fanno sono meno spesso meno concentrati e meno abili a comprendere il significato di un testo, come ipotizza questa ricerca. Insomma, generalmente noi uomini abbiamo ben poco di cui vantarci in tal senso. Detto questo, di giovanotti occhialuti e distinti signori col cappello in libreria e alle fiere del libro per fortuna se ne vedono ancora numerosi, e anche la figura dello scrittore pare non conosca distinzioni di genere: nel nostro piccolo, riceviamo quasi più proposte di pubblicazione da uomini che da donne.

Tuttavia, mentre aggiornavo la lista dei bookblogger (o litblogger,  o blog letterari… insomma, ci siamo capiti) a cui inviamo i nostri comunicati stampa (oltre 180, non proprio una cifra irrilevante), mi sono accorto di uno squilibrio ancora più evidente: tra quelli che scrivono di libri sul  web e sono interessati alle comunicazioni dei piccoli editori, più del 90%, forse addirittura più del 95%, sono donne! Qui non stiamo più parlando solo di una maggioranza netta, ma di una vera e propria categorizzazione di genere!

bookblogger2

Dopo aver provato quasi vergogna, come esponente del sesso maschile, per questa rivelazione, mi sono chiesto: com’è possibile tutto ciò?

Ecco le elucubrazioni bislacche che ho abbozzato come possibile spiegazione:

1) Tra gli uomini che si interessano di lettura e scrittura, gran parte di essi sono talmente egocentrici che non sarebbero mai disposti a concedere un parere positivo a un libro che non sia il proprio.

2) Di questa parte di giovani e meno giovani disposti a scrivere di libri sul web, la grande maggioranza è ben contenta di recensire i grandi nomi ma se ne frega dei piccoli editori e degli autori emergenti, soprattutto se italiani. Ne consegue che, contraddicendo le tesi illustri di alcuni moderni pensatori come Masini, i veri stronzi sarebbero i maschi (Marco, si scherza…).

3) Tra le poche anime pie rimaste a questo punto, molti si vergognano perché quando si parla dei propri hobbies con la “compagnia”, di persona al bar o virtualmente su gruppo Whatsapp, c’è il patito di crossfit, il collezionista di granate inesplose, il maniaco del poker, il trader… e l’amena occupazione di scrivere di libri sul web, soprattutto se di “sfigatissimi” autori semisconosciuti, non sembra sufficientemente virile

4) I pochissimi ganzi sopravvissuti a queste crudeli selezioni vanno quindi, con tutta la buona volontà del mondo, a girare un po’ tra gli altri blog letterari in cerca di ispirazione per il proprio, ma finiscono per trovarsi di fronte a:

  • una quantità di gif animate che non vedevamo sulla stessa pagina web dal 2001
  • puntatori del mouse personalizzati che lasciano una scia di stelline  rosa
  • musiche natalizie che partono automaticamente in sottofondo (a settembre)

e, a questo punto, con tutte le buone intenzioni nel mondo che potevano avere, chiudono il browser e fuggono urlanti verso il più vicino tatuatore, o negozio di dischi metal, o centro di laser game, alla disperata ricerca di una “botta” di testosterone.

(Alle blogger la cui homepage corrisponde alla descrizione di cui sopra: non arrabbiatevi, si scherza eh… anche se i puntatori personalizzati potreste in effetti toglierli :D)

bookblogger3

Se il vostro blog assomiglia a questo… forse è meglio continuare solo sui social 😀

Dopo aver analizzato il problema, proviamo a ipotizzare le soluzioni! Agli aspiranti blogger di sesso maschile consiglio di:

  • Ricordarsi che c’è gente che con un blog è diventata famosa e ha fatto i big money$. E, in ogni caso, curare un blog e rapportarsi con piccoli editori e autori emergenti aiuta molto a crearsi un network di contatti utilissimi per chi aspira a pubblicare un libro o a lavorare nell’editoria.
  • Leggere il seguente articolo che vi insegnerà come impostare in pochi passaggi un blog semplice ed efficiente su WordPress, evitando quindi gif animate, cursori sparafleshanti, musiche ridanciane et similia.
  • Se comunque tutto ciò non vi sembra abbastanza virile, riempite il vostro blog di animazioni horror/pulp/trash e pubblicate contenuti su questa linea (se vi mancano le idee… ho scritto un articolo apposta).

Convinti? Beh, a prescindere dal genere, siamo sempre alla ricerca di bookblogger interessati a recensire i nostri libri o a dare spazio alle nostre segnalazioni: se la cosa non vi sembra così disgustosa, scoprite di più qui.

By |2017-06-29T18:44:52+00:00novembre 18th, 2016|editoria|2 Comments

About the Author:

Editore, "smanettone di internet" e consulente di marketing editoriale. Mi occupo di tutto quello che gira intorno ai libri digitali, le visual novel e gli altri ibridi tra letteratura e tecnologia.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.